Informazioni utiliLa commemorazione delle quattro donne che trovarono la morte in miniera il 18 marzo 1913

Erano appena passate le 7 di una fredda mattina di fine inverno, quando un gruppo di nove giovani cernitrici, si apprestava alla selezione di una grande quantità di materiale proveniente dalla miniera di Malfidano. Con loro, a svolgere la dura mansione di selezione delle pietre, ricche di ossidi di piombo e zinco, sempre sotto stretta sorveglianza del caporale della miniera Eugenio Berutto, anche tre uomini. Sotto quelle grandi tramogge, costituite da enormi tavole di legno rivestite di lamiera e dove era ubicato il banco da lavoro per la cernita del minerale, un sopportabile cigolio non faceva presagire la tragedia, che da lì a poco sarebbe accaduta.

All’improvviso, infatti, una delle grandi tramogge si ruppe e con quel grande cumulo di pietre estratte dalla montagna calcarea sovrastante, finì sul lungo tavolo da lavoro, posto nella parte sottostante, dove si trovavano le giovani operaie. Era il 18 marzo 1913. Sepolte dal materiale morirono Anna Pinna, di anni 23, Laurina Lussana di anni 19, Maria Angela Saiu, di 35 anni e Anna Murgia, di anni 15. Le cernitrici Assunta Algisi, di anni 18, Mariangela Zoccheddu, di anni 33 e l’operaio quattordicenne Luigi Caddeo, invece, seppur in maniera grave rimasero solamente feriti. Scamparono però alla morte. Per onorare il sacrificio delle quattro donne, che lavoravano in quel piccolo impianto minerario di Genn’Arenas, sopra l’attuale abitato di Buggerru e soprattutto, in cambio di una misera paga giornaliera di 80 centesimi, l’ex Ente foreste della Sardegna ha realizzato cinque anni fa, in collaborazione con il comune di Buggerru, il Cammino delle Cernitrici. 

di Federico Matta (Continua a leggere https://sulcisiglesienteoggi.com/buggerru-il-sacrificio-delle-cernitrici-di-gennarenas/

  • Durata: 7 ore in totale con pause
  • Lunghezza : 11 Km
  • Dislivello : 450 metri
  • Difficolta’: Impegnativo, 2 Stelle Su 5
  • Interesse: Ambientale, Storico, Culturale e Archeologico Industriale
  • Necessario: Scarpe da trekking, zaino con 2 litri d’acqua e pranzo al sacco.
  • Fruizione: Persone in buona condizione fisica
Percorribile tutto l’anno  (Luglio/Agosto sera al tramonto). 
Si consiglia la percorrenza in mesi primaverili o fine estate